Featured Slider

Latest instagrams

Miso ReLOVEution!

                                                                    
                                                                                  Genki kubari, egao kubari.
                                                      Sii generoso con la tua energia. Sii generoso con i tuoi sorrisi.

                                                                                          (proverbio giapponese)



La filosofia zen sa quanto il corpo e la cura di esso siano indispensabili per godere di una vita sana, equilibrata e serena. Non è un caso, quindi, che proprio i paesi in cui lo zen è nato e si è sviluppato siano gli stessi ad avere  sviluppato una cultura culinaria improntata al benessere di corpo e mente, ricca di vegetali e di alimenti fermentati. 
I cibi fermentati sono stati una scoperta fondamentale, per me. Come afferma Sandor Ellis Katz nel suo Il grande libro della fermentazione (la Bibbia della fermentazione casalinga!) 

La fermentazione
cuoce il cibo senza aver bisogno di nessuna fonte di energia, lo preserva e ne allunga la vita, quindi è un ottimo metodo per diminuire l’impatto ecologico di ogni singolo individuo sulla terra: se questa tendenza diventasse di massa, non è azzardato pensare che potrebbe far diminuire i numeri dei frigoriferi nei supermercati o nelle case, l’uso di gas e di piastre a induzione…”.

Non è un caso se, proprio negli ultimi anni, data la riscoperta e la conseguente valorizzazione del mondo contadino -e quindi di una cibo più sano- gli alimenti fermentati siano tornati in voga , per via del loro impatto ambientale limitato (evidenziato da Katz) unito a quello nutrizionale e salutistico. Ma che cos'è la fermentazione? Nient'altro che una reazione chimica in cui funghi e batteri trasformano gli ingredienti di partenza producendo metaboliti che ne migliorano il gusto. Gli alimenti fermentati non hanno soltanto un gusto particolare, ma sono anche ricchissimi di benefici per la salute: migliorano la digestione, rinforzano il sistema immunitario, riducono le manifestazioni allergiche, migliorano l'aspetto di pelle e capelli, e molto altro ancora.

Tra i cibi fermentati che preferisco, il miso è senza dubbio quello che utilizzo di più:


miso di orzo non pastorizzato

Orti urbani: l'esperienza di Parigi

Immaginate i tetti di Parigi. Riuscite a visualizzare gli abbaini, le tegole color grigio fumo che, nelle giornate d'inverno, si confondono con il cielo plumbeo?

Fotografia di Michael Wolf

Just to Clarify: maschera per il viso esfoliante di Lush

Il mio passaggio ai prodotti cosmetici naturali per viso e capelli è iniziato ormai diversi anni fa, e tra le aziende da cui mi rifornivo costantemente -attirata dai profumi intensi, i colori sgargianti e la filosofia cruelty-free che ne è stata la bandiera fin dall'inizio- c'era Lush. Prima ancora di inaugurare il blog avevo testato i suoi shampoo solidi, le pasticche lavadenti, ma soprattutto le maschere fresche, per me il vero punto forte dell'azienda.

E così, dopo avere accantonato Lush per alcuni anni a causa della difficoltà nel reperire i prodotti, ho deciso di regalarmi un ordine direttamente dal loro sito, e ho acquistato, tra le varie cose, una novità in tema maschere: le Jelly Face Mask, maschere dalla consistenza gelatinosa realizzate con una base di carragenina, estratta dalle alghe, e una combinazione diversa, a seconda della tipologia, di frutta, oli essenziali e argille!
Data la mia pelle mista e un po' spenta (sarà forse merito dello smog cittadino?!), la mia scelta è caduta su Just to Clarify, una maschera-scrub con papaya e succo d'arancia, dalla formulazione vegan:


Losill, un laboratorio botanico artigianale nel cuore di Napoli 🌿

Il centro storico di Napoli, con i suoi vicoli stretti, bui ed affollati, i palazzi storici, le tante scalinate, l'odore diffuso del cibo di strada, i panni stesi alle finestre ed il traffico incessante, tutto sembra fuorchè un luogo in sintonia con la Natura. Anzi. Si ha l'impressione che questa sia stata sfrattata ai margini della città, e che qui non siano sopravvissuti che pochi cespugli che crescono sparuti ai margini delle strade. Ed in parte è vero. Se non fosse che, varcati i portoni dei palazzi, spesso ci si imbatte in balconi fioriti e terrazzi ricchi di verde che sovrastano la città con la loro silenziosa bellezza.
Ed il terrazzo di Rossella è uno di questi 🌿 Rossella ha creato il proprio laboratorio botanico artigianale proprio nel centro storico di questa città così caotica e logorante, utilizzando le splendide piante del suo terrazzo: Losill Botanic 🌿

Crema per mani e unghie VegNails di Erboristeria Magentina

Se non abitate nel Sud dell'Italia (dove il freddo, quello vero, ancora non è arrivato.. ma arriverà mai?), forse avrete già sfoderato le creme del periodo invernale, quelle belle corpose ed idratanti. Tornando in quel di Milano per le feste di Natale, ho dovuto adattare le mie cure 'di bellezza', sempre piuttosto blande e leggere, ad un clima decisamente più rigido e umido. Anche la pelle delle mani, solitamente normale, ha risentito del cambiamento e ho dovuto trovare anche per lei un degno sostituto che la proteggesse dal freddo. E così ho benedetto la crema per le mani alla lavanda di Erboristeria Magentina, trovata in un cassetto del bagno!  


Rituale post-yoga: massaggio con gli oli di arnica e betulla di Weleda 🌿

Non esistono sveglia all'alba, stanchezza, malumore o impegni che mi impediscano di srotolare il mio tappetino ed iniziare -e concludere- una giornata con una pratica yoga.

Pratica che, a seconda del momento della giornata e del tempo a disposizione, sarà più o meno intensa e più o meno lunga. Quello che mi impongo (o meglio, quello che il mio stesso corpo pretende!) è di dedicare allo yoga almeno 20-30 minuti della mia giornata. Questo è il tempo più prezioso che prendo per me, per il mio corpo e per la mia mente. 


La pratica dello yoga aiuta il corpo pigro a diventare attivo e vibrante. Trasforma la mente, rendendola armoniosa. Lo yoga aiuta a mantenere il corpo e la mente in armonia con l’essenza, l’anima, così che i tre siano fusi in uno.

(B. K. S. Iyengar)


Dato che il corpo è il punto di partenza dell'esperienza yogica, io concludo ogni pratica con un massaggio rigenerante, specialmente ora che i muscoli tendono a 'raffreddarsi' più rapidamente data la stagione, utilizzando gli oli all'arnica e alla betulla di Weleda:

Olio per massaggi all'arnica di Weleda

Infanzia eco-friendly con i pannolini in tessuto Charlie Banana


Seguendo, ormai da tempo, un bimbo di poco più di due anni, non ho potuto fare a meno di sconvolgermi (non esagero, eh!) di fronte alla quantità di accessori usa e getta di cui il mondo dell'infanzia è costellato: salviette umide, fazzoletti di carta, giochi vari... Sembra che tutto ciò che riguarda il mondo dei bambini sia stato concepito per essere utilizzato e gettato subito dopo, oppure per non durare (i giochi si disintegrano dopo pochi giorni, ad esempio). Ma la cosa più sconcertante riguarda i pannolini. Se consideriamo una media di 4-5 pannolini al giorni -buttati nell'indifferenziata- la quantità prodotta nell'arco di 3-4 anni è davvero impressionante, ed ecologicamente insostenibile. 

Allo stesso modo degli assorbenti, l'alternativa eco-friendly esiste ed è alla portata di tutti: i pannolini in tessuto lavabili Charlie Banana.