Featured Slider

Latest instagrams

Bagnoschiuma rilassante con oli essenziali di cannella e arancio di Tea Natura

Il profumo di cannella, più di ogni altro, è quello che io associo all'autunno; non importa che io sia cresciuta in un piccolo paese di montagna, e gli odori che percepivo quando, alla fine di agosto, il cambiamento di temperatura e di colori si affacciava prepotente, erano quelli di castagne, funghi del sottobosco e foglie bagnate. Sarà l'amore per l'India e la cultura orientale che, via via, si è fatto sempre più grande, col passare degli anni, ma il profumo di questa spezia ha scalzato tutti gli altri. 

E quindi, per festeggiare l'arrivo della mia stagione preferita, ho acquistato il bagnoschiuma rilassante di Tea Natura, al profumo di arancio e cannella:


La raccoglitrice di piante abbandonate 🌿 (ovvero, come cerco di tutelare l'ambiente in cui vivo)

Come tante cose belle di cui sono venuta a conoscenza grazie a circostanze fortuite, il caso mi ha fatto da poco scoprire un blog che ha attirato fin da subito la mia attenzione, a partire dal come, Sentiero Sottile: parla di sostenibilità, alimentazione e permacultura, in una chiave molto personale . Nonostante la varietà dei temi trattati (quelli da me elencati sono soltanto una parte), tutto ruota attorno al concetto di Natura come Pachamama, la Madre Terra da cui tutto parte e a cui tutto torna, e alle idee che possiamo mettere in pratica per arginare il disastroso declino che stiamo riservando al nostro ambiente. 
In particolare, questo post mi ha fatto riflettere sulla necessità di spendere due parole su quello che io faccio per rendere il luogo in cui vivo (una città che ha davvero molto su cui lavorare...) più vivibile, sano, pulito. Non perchè quello che io faccio abbia dello straordinario, ma perchè magari, leggendo queste righe, qualcuno possa iniziare a guardarsi attorno e a compiere piccoli gesti che, a loro volta, potranno ispirare altre persone nella stessa direzione, creando un circolo virtuoso che, si spera, possa produrre un cambiamento significativo. Ce n'è davvero bisogno.

Innanzitutto, nel mio zainetto (ho, ahimè, detto addio alla borsa in favore di un accessorio più comodo e sicuro, perchè mi muovo spesso da sola) c'è sempre un sacchetto di plastica o compostabile, in coppia con un paio di guanti in lattice (e qualche fazzoletto, a volte). Perchè? Perchè mi capita, molto più spesso di quanto avrei mai immaginato, di trovare piante vive sradicate e abbandonate, sul marciapiede o in prossimità delle campane per la raccolta dei rifiuti. 

Questa pianta grassa era stata sradicata e abbandonata, assieme al vaso che l'aveva fino a poco tempo prima contenuta, sul marciapiede

Colluttorio alla ratania di Weleda

Da quando ho compreso il ruolo fondamentale della bocca per il benessere globale dell'organismo (banale, direte voi! e invece non è un fatto scontato, ahimè...), ho iniziato a dedicarle più cure di quanto fossi solita fare in precedenza. L'igiene di questa zona intermedia e di passaggio tra l'ambiente esterno e l'interno del nostro corpo è fatta di diversi passaggi (alcuni dei quali elencati qui, in un mio post precedente). 

Oggi vi voglio parlare dell'ultimo step della cura quotidiana che riservo a questa zona delicata ed importante, ed in particolare del colluttorio che sto utilizzando da tempo, a base di ratania e prodotto da Weleda:


Latte detergente a base di distillato di lavanda e succo di aloe vera di Sonnentor

L'estate mi ha lasciato, oltre ad un carico notevole di stanchezza, una pelle non proprio in salute, spenta e leggermente ruvida sulla fronte. Fortuna che il fresco mi ha fatto riprendere le buone abitudini abbandonate a causa del caldo, in primis la detersione con il latte detergente, il prodotto per me ideale perchè pulisce senza seccare e alterare il film idrolipidico, e che stendo sul viso mediante un massaggio accurato. Sto utilizzando il latte detergente Sonnentor, formulato con succo di aloe vera, distillato di lavanda e di fiori e foglie di rosmarino:


Mangiare vegano a Napoli (con vista mare): Cavoli Nostri

Molti di voi non saranno d'accordo, ma il momento migliore per godersi Napoli e dintorni per me è -senza dubbio- settembre e l'inizio dell'autunno, quando l'aria si fa via via più fresca e il vento spazza la foschia e rende i panorami tersi e bellissimi.

Visitare le stanze sontuose del Palazzo Realepasseggiare sul lungomare, perdersi tra i vicoli di Santa Lucia e i maestosi palazzi nobiliari di cui tutto il centro abbonda è il modo più bello per godersi le domeniche ventilate e soleggiate, come quella appena passata. Domenica di musei e aree archeologiche ad ingresso gratuito, tra l'altro! Non ho voluto perdere l'occasione di visitare Palazzo Zevallos, monumentale e fastoso, che ospita una splendida galleria museale che, tra i tanti, può vantare quadri di Vincenzo Gemito, Luca Giordano e... Caravaggio!, che ha vissuto a Napoli gli ultimi anni della propria vita. Uno scrigno di bellezze che tutti gli amanti dell'arte e delle cose belle non devono perdersi. Ho poi proseguito fino al Palazzo Reale, in piazza Plebiscito, residenza che definire sontuosa è poco, e che meriterebbe -da solo- una gita in città.


Panorama del golfo dalla collina di Pizzofalcone

Dentifricio alla menta (e senza fluoro) di Specchiasol

Se il fluoro è un ingrediente controverso (non si sa ancora se sia o meno dannoso per la salute, anche se diversi studi propendono per il sì), la buona notizia è che, diversamente dal passato, possiamo farne decisamente a meno, perchè dentifrici, colluttori e ad altri preparati per l'igiene orale sempre più spesso ne sono privi. Io non amo demonizzare nulla -a meno che non ci siano prove certe della pericolosità di un certo ingrediente- ma potendo scegliere, lo evito volentieri ormai da anni.

Specchiasol, azienda italiana di fitoderivati e cosmetici naturali, ha creato -all'interno della linea VeraDent- un dentifricio in gel formulato con succo di aloe vera biologico, tea tree oil ed eucaliptolo, per una 'protezione completa':


Shampoo delicato all'olio d'oliva e aloe vera biologici di Pierpaoli Sensè

Pierpaoli Sensè è la linea di detergenza naturale specifica per la pelle delicata dei bambini, e che, oltre ai prodotti per l'igiene del corpo, comprende detersivi, soluzioni igienizzanti e per il bucato per trattare tutte le superfici ed i vestiti che entrano in contatto con la pelle dei più piccoli.
La mia pelle non è più piccola da tempo, e non è nemmeno particolarmente sensibile, ma il caldo micidiale del periodo ha messo a dura prova i miei capelli, che ho lavato tutti i giorni per almeno un mese consecutivo, cosa per me assolutamente insolita, dato che cerco di fare al massimo due shampoo settimanali. Mi sono quindi trovata nella situazione di dover utilizzare prodotti delicati, motivo per cui mi sono rivolta alla detergenza specifica per i bambini, acquistando lo shampoo delicato all'olio di oliva e aloe vera biologici: