Latest instagrams

ESPRIT, una moda sempre più sostenibile

Nel 1968, l'anno della contestazione, nasceva a San Francisco un'azienda di moda che sarebbe diventata presto internazionale e che, facendo proprio lo stile di vita californiano, ha sempre cercato di fondere stile, amore per i colori e rispetto per l'ambiente. Siamo propensi a pensare che solo le piccole realtà siano virtuose (e molto spesso è così), ma ci sono poche eccezioni che confermano la regola. Ed una di queste è rappresentata da ESPRIT:






Dal 1968, ESPRIT ne ha fatta di strada: è presente in 40 paesi e consta di 6332 punti vendita, proponendo capi versatili, composti di materiali durevoli, naturali e provenienti da produzioni responsabili



L'obiettivo dell'azienda, fin dalla sua nascita, è sempre stato quello di fare in modo che le persone in contatto con il brand (dai lavoratori agli acquirenti) vivessero uno stile di vita più autentico e rispettoso della natura. Nonostante negli anni ESPRIT sia diventato un colosso dell'abbigliamento, i suoi principi guida sono rimasti felicemente inalterati e, anzi, sono via via diventati sempre più eco-friendly!

ESPRIT ha aderito, infatti, ad un'iniziativa proposta dalla Global Fashion Agenda adottando il cosiddetto Circular Fashion System: l'intero ciclo di vita di ogni prodotto del brand viene gestito in modo responsabile e attento a che l'impatto sull'ambiente sia contenuto. Entro il 2020, ESPRIT si impegna a ridurre al minimo gli scarti di produzione, avendo sottoscritto accordi con ogni fornitore per far sì che le eccedenze di tessuto vengano riutilizzate per produrre nuovi capi. 
Sempre in base agli accordi sottoscritti, ogni membro dell'azienda sarà adeguatamente formato in materia di design circolare e la finta pelle -utilizzata in molti dei loro capi- sarà lavorata in modo sempre più sostenibile cercando di ridurre gli agenti chimici utilizzati. Questi sono solo alcuni dei punti che ESPRIT si sta impegnando a portare a termine entro il 2020. Un ottimo passo in avanti verso una moda sempre più verde e naturale, non trovate?






I materiali utilizzati sono naturali, provenienti da fonti certificate e riciclati. Dal cotone biologico, a quello riciclato, passando per il tencel (una fibra biodegradabile ricavata dall'eucalipto!), tutto ruota attorno alla natura e al suo rispetto. ESPRIT, inoltre, non utilizza pellicce ed è, per questo, entrata a far parte della Fur Free Retailer, la lista delle compagnie di moda che non ne fanno uso. Per quanto riguarda la lana, ESPRIT si attiene agli standard del RWS, che vigila affinchè gli animali siano trattati con rispetto; dal 2013, invece, la lana di angora è stata bandita a causa degli scarsi controlli e trasparenza a cui sono soggette le importazioni dei conigli dai quali viene, appunto, ricavata la lana. 

Di ESPRIT mi sono sempre piaciuti gli abitini, colorati, semplici e comodissimi, e che rimandano, nel disegno e nel taglio, allo stile di vita spensierato e vivace della California, terra di mare e tanto sole.
Qui sotto trovate una brevissima carrellata dei miei preferiti. Vi piacciono? 






Nessun commento