Latest instagrams

Colluttorio alla ratania di Weleda

Da quando ho compreso il ruolo fondamentale della bocca per il benessere globale dell'organismo (banale, direte voi! e invece non è un fatto scontato, ahimè...), ho iniziato a dedicarle più cure di quanto fossi solita fare in precedenza. L'igiene di questa zona intermedia e di passaggio tra l'ambiente esterno e l'interno del nostro corpo è fatta di diversi passaggi (alcuni dei quali elencati qui, in un mio post precedente). 

Oggi vi voglio parlare dell'ultimo step della cura quotidiana che riservo a questa zona delicata ed importante, ed in particolare del colluttorio che sto utilizzando da tempo, a base di ratania e prodotto da Weleda:


Questo colluttorio, assieme al dentifricio e al balsamo gengivale, fa parte della linea a base di ratania per la cura delle gengive sensibili, infiammate e retratte.

La radice di questa pianta ha infatti notevoli proprietà astringenti e sfiammanti, motivo per cui viene impiegata anche per il trattamento delle ragadi anali e mammarie.

Weleda ha, per inciso, aderito ad un progetto di raccolta sostenibile ed equo-solidale della ratania che, grazie (o a causa) delle sue proprietà medicinali, viene esportata in tutto il mondo dal suo habitat (le Ande peruviane) e rischia per questo l'estinzione. 



Il colluttorio Weleda, concentrato e presentato in un flacone di vetro da 30 ml, oltre alla ratania contiene estratti di mirra (rigenerante) ed ippocastano (antinfiammatorio).


Il colluttorio è di color mattone, e ha un gusto erbaceo che non riesco a classificare (naturalmente è dovuto alla mescolanza degli estratti delle piante sopra elencate, ma non riesco a percepirne la nota dominante). 
La quantità di gocce da unire a mezzo bicchiere d'acqua per fare i risciacqui non è ben definita; si parla di 'alcune', ed io ne verso all'incirca una decina; se avete afte, è possibile applicare il colluttorio puro, con il dito o un cotton-fioc, direttamente sulla parte infiammata. 

Attenzione, perchè il colore degli estratti di ratania ed ippocastano tinge facilmente plastica e ceramica (come il mio lavandino ha potuto constatare...). 


Come mi trovo: ho acquistato il solo colluttorio senza utilizzarlo con gli altri prodotti della linea, perchè cercavo qualcosa in grado di tamponare il mio sanguinamento gengivale che è comunque piuttosto blando. Insomma, non ho gengive retratte (almeno, per ora!), soltanto un po' sensibili, e devo dire che l'uso quotidiano di questo colluttorio mi sta dando una grossa mano.
Il 'contro' è che effettivamente, così come tinge il mio lavandino, tende a non rendere i miei denti proprio bianchi; nessun trasferimento di colore, ma ho notato una mino brillantezza che non posso che imputare al signorino, che per la funzione che deve compiere in realtà si rivela ottimo. 
Come risolvere il problema? Proverò ad utilizzarlo a periodi alterni, cercando di considerarlo una sorta di cura, essendo molto concentrato ed efficace. 

Dove trovarlo? L'ho acquistato sul sito di Macrolibrarsi, sul quale potete trovare l'intera gamma dei prodotti Weleda 

Se volete fare acquisti sul sito di Macrolibrarsi, al momento dell'ordine potete inserire il codice 6027 -se vi fa piacere; non pagherete nulla in più, ma la sottoscritta, grazie al programma di affiliazione, riceverà una percentuale sul vostro ordine. Nel mio blog parlo e consiglio solo e soltanto prodotti in linea con la mia filosofia di pensiero: ecologista, etica e cruelty-free! 






Nessun commento