Latest instagrams

Sapone Prince Noir di Savonnerie Saponaire

Buonasera! Altro prodotto davvero molto buono di cui parlarvi dedicato alla skin-care: si tratta della saponetta Prince Noir di Savonnerie Saponaire.
L'azienda in questione è francese è produce saponi artigianali ed oli essenziali biologici di grande qualità. La saponetta che ho acquistato e che sto usando da ormai due settimane si presenta così:


Si tratta di un panetto compatto, dalle dimensioni standard, che sprigiona un profumo meraviglioso di anice al solo tenerlo in mano *_*


La schiuma che produce è piuttosto densa, di colore nero, e non secca la pelle, grazie alla presenza del burro di karitè e dell' olio d'oliva. La presenza del carbone, oltre a conferire il colore nero al sapone, aiuta a purificare la pelle; consiglio infatti questo prodotto alle pelli miste, anche se sulla confezione c'è scritto che è adatto alle esigenze di tutti i tipi di pelle. L'inci è arricchito dalla presenza dell'olio di cocco (nutriente), della canapa sativa (emolliente e sfiammante), e degli oli essenziali di finocchio (astringente) e anice (antibatterico).



Mi piace moltissimo: adoro i saponi solidi, ma sono sempre piuttosto titubante quando li provo per la prima volta perchè spesso si sono rivelati troppo aggressivi e sgrassanti per la mia pelle, ma questo Prince Noie deterge in modo delicato, senza seccarla, e soprattutto rendendola più pulita grazie all'utilizzo costante.
Ho un debole per i saponi artigianali, realizzati sempre con ingredienti di qualità e nel rispetto dell'ambiente, dato che gli ingredienti usati sono spesso a km zero, e questo non fà eccezione.
Sul sito di Vecchia Bottega potete trovare altre saponette adatte al vostro tipo di pelle ;)
Il prezzo? Non bassissimo, circa 6 euro, ma per un prodotto di qualità come questo ne vale sicuramente la pena.
Un bacio, alla prossima review!

ps: ricordatevi di riporre i vostri saponi su un portasaponepossibilmente in legno e forato, che possa farli traspirare ed asciugare, altrimenti si corre il rischio di farli ristagnare nell'acqua, con l'inconveniente di creare un ambiente favorevole per batteri e muffe

Nessun commento